You are currently browsing the monthly archive for aprile 2008.

Alone towards myself/Da sola verso me stessa, Photo taken by Fémininité

Come può cambiare tutto nel giro di pochissimi giorni…tensioni accumulate da un vita che spariscono di colpo, la consapevolezza finalmente reale di essere se stessi, di non avere sempre obblighi solo e soltanto verso gli altri ma soprattutto verso di sè…..

Sapere di essere forti, ma essere stati forti solo nel resistere a non reagire, a subire sempre tutto….voler essere forti nel reagire, nel farsi avanti, nel fare ciò che si ritiene giusto…

Cominciare finalmente a vivere….


Annunci

The journey begins/Inizio del viaggio, Photo taken by Fémininité

Voglia di casa, voglia di familiarità, voglia di tranquillità … crogiolarsi nella propria quotidiana intimità, viverla, assaporarla.

Sono giorni in cui detesto il momento di tornare a casa. Mi sento senza casa, anche se una casa ce l’ho. Mi sento nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Avere piccoli spazi fisici, ma grandi spazi mentali, buttare alle spalle ciò che non serve, ciò che non sento mio, ciò che senza ribellarmi mi sono sempre adattata a considerare mio.

Essere lasciata in pace ….

I‘ll fly by myself, Photo taken by Fémininité

“ Sono convinta che, in fondo al cuore, tutti gli esseri umani siano buoni”

Anna Frank

Io, delusa dalla vita e dagli altri per l’ennesima volta, mi trovo a riflettere su queste parole…crederci?

Un bambino diventa adulto quando si rende conto che non ha diritto solo ad aver ragione ma anche ad aver torto.

Thomas Szasz

PS.: chi riconosce questa bambina? 😉

Silence, Photo taken by Fémininité

Trovarsi a essere genitori e cercare di tenere ancorati a sè i propri figli…il motivo? Paura e troppo affetto: reagire alla paura che il figlio sbagli cercando non che lui cerchi di non sbagliare, ma che rinunci completamente a iniziare a fare una cosa che vorrebbe fare…

Le sue motivazioni? Perchè vuole fare una cosa? Perchè è masochista? Perchè in questa cosa ci crede? Perchè ci sono in ballo dei sentimenti? Poco importa…occorre “risolvere la situazione”…

Anni fà avrebbero potuto sequestrarli in casa e riempirli di botte per fargli passare la voglia di fare qualcosa che non piaceva loro…

Oggi non si può più fare, anche se la reazione istintiva è questa…ma si trattengono, sono genitori emancipati, no?

Allora che fare? Le provano tutte: prima vogliono sapere ogni particolare della situazione, così da poterla tenere sotto controllo…poi non funziona, perchè non è possibile tenere tutto sotto occhio, soprattutto se la vita non è tua…

Allora provano con l’indifferenza…ma quella allontana e il rischio che si faccia qualcosa che loro non sanno è altissimo…

Così provano ad inculcare la paura di fare quella cosa: perderai il lavoro, finirai sotto un ponte, diventerai una drogata, ti nasceranno figli mezzi scemi, finirai sola ed abbandonata da tutti…la paura attechisce, sì, ma se il figlio è molto sicuro di sè, la supera o almeno fa di tutto per superarla….

Accipicchia…cosa inventarsi? Ecco…il senso di colpa verso di loro…ogni figlio si sente responsabile verso i propri genitori, giusto? Il senso di colpa…ottimo strumento…stiamo male, sento una fitta qui, chissà sarà l’aneurisma…

Che dire dei figli?

Sopravvivono….

image-1182.jpg
VelataMente, Photo taken by Fémininité

Oggi sono piena di lavoro, stanca da morire per il lavoro che ho alle spalle e che so che avrò ancora nei prossimi giorni, una larva umana insomma…esco per fumare una sigaretta, così, per disperazione e cosa trovo? Un sole caldo, l’aria tiepida, un cielo tersissimo…una rinascita! Le ossa si scaldano, riprendono vita, la pelle si arrossa, prende colore….i capelli si muovono al vento…vita!

Mi sposto dal solito angolino, faccio due passi e mi godo questo caldo, questa luce…vado verso una siepe…una siepe piuttosto squallida a dire il vero, un pò spelacchiata…al centro sola, alta, maestosa, bianchissima, fresca di sbocciatura, sta una calla.

Pura e sola nella sua purezza.

Mi commuovo…

image-631.jpg
Arida, Photo taken by Fémininité

Odiare qualcuno?

Non avrei mai creduto che fosse possibile. Almeno non io.

Ho sempre pensato che l’odio fosse un sentimento troppo forte, difficile da provare perchè ai miei occhi troppo indeterminato, troppo pieno di sfaccettature, troppo negativo. Un estremo che, per il fatto che è un estremo, ho sempre scartato, ponendomi magari in mezzo, leggermente prima del confine.

Ed invece eccomi qui.

Odio una persona. Odio una persona che ho amato. O forse ho amato il sogno che era dietro di lei. Ora credo che il sentimento che provo sia odio. E’ un sentimento che è maturato, col tempo, e sta ancora maturando. Ma credo, oggettivamente, che più di così non potrei andare. Credo di essere arrivata all’odio.

Cerco di analizzarmi in modo più introspettivo possibile e diversi pensieri mi si sono accavallati nella mente. Forse se continuo a pensarci, se continuo a sentirmi ancora “in causa” è perchè non è passata? No…è passata, non esiste più nemmeno un briciolo di sentimento positivo nei suoi confronti.

Allora mi sono chiesta: forse non riesco a riportare alla mente bei ricordi, ma solo i brutti, e a trasformare in brutti anche quelli che prima consideravo belli per una sorta di autodifesa, per non soffrire… Può essere, mi dico, ma allora sento, con tutto il mio cuore, che i ricordi belli non sono più belli, ma li odio, come odio lui, tutto ciò che è stato per me, la parte di vita che ha solcato, come un aratro in un campo fecondo, che semina solo semi malati.

Il mio sentimento è così “cattivo” come sono cattivi il gusto che mi ha lasciato in bocca, lo sporco che mi ha buttato addosso, le ferite che mi ha inferto gratuitamente, mentre io cercavo di abbracciarlo.

Tutto ciò che mi ha lasciato è solo odio.

emaki81

“Dov’è il mio cuore, lì è la mia casa”

Commenti recenti

emaki81 su Arrivederci Arthur
Affy su Arrivederci Arthur
cavaliereerrante su Una mamma
emaki81 su Una mamma
cavaliereerrante su Una mamma

Blog Stats

  • 199,664 hits
aprile: 2008
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Le pieghe della vita

Perché quando cadi nelle pieghe della vita, o meglio sarebbe dire crepe, all’improvviso è come se ti vedessi vivere, come se ti vedessi da fuori. Quando accade, bisogna mettere in conto che può non piacerti quello che vedi.

NUNZY CONTI

"L'essenziale è invisibile agli occhi" Antoine de saint Exupery

Panirlipe's Weblog

pensieri rari e furtivi

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Spaziocorrente

Il valore di un sorriso. Nessuno è così ricco da poterne fare a meno, nessuno è così povero da non poterlo dare. (P. Faber)

Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

arthur...

l'avventura continua...